Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

160331.appuntamenti riquadro copertinaAmo troppo la vita per riuscire a viverla, di Lorenzo Raffaini, è il racconto autobiografico e durissimo di un riscatto umano e sociale: un drogato e ladro in apparenza irrecuperabile un giorno scopre la forza dell'amore e incredibilmente, faticosamente, riesce a rimettere insieme i pezzi della persona che avrebbe potuto essere, e a ricostruirsi una vita. L’autore presenterà il libro in libreria giovedì 31 marzo alle 17.30, dialogando con Piera Maculotti (giornalista) e Giancarlo Maculotti (storico, scrittore).

Scarica il programma

"Amo troppo la vita per riuscire a viverla è troppo vero per essere un romanzo, troppo ricco di implicazioni per essere una memoria personale. E una testimonianza diretta, bruciante, che in certe parti si può leggere come una confessione, in altre come un'avventura." (Dalla prefazione di Andrea De Carlo)

Il romanzo è stato tra i 24 selezionati, su 5mila partecipanti, dell’edizione 2014 di Masterpiece, talent show letterario di Rai3.

160331.appuntamenti cop

Lorenzo Raffaini
Amo troppo la vita per riuscire a viverla
Bompiani 2015, 368 pp., € 15,00

Lorenzo Raffaini è nato nel 1969 in Val Camonica, dove tuttora risiede. La sua scuola è stata la vita. Svolge nelle scuole attività di prevenzione delle dipendenze e degli incidenti stradali. È sposato e ha quattro figli. Questo è il suo primo romanzo.

«Solo dolore e macerie»: questo vede Lorenzo, a 30 anni, tra le sbarre del carcere di Verziano. E poi? Poi la pessima storia ha un lieto fine
La recensione di Piera Maculotti su Bresciaoggi del 24 marzo 2016