Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

160904.appuntamenti riquadro copertinaPia Pera, Al giardino ancora non l'ho detto, Ponte alle Grazie 2016, pp. 216, euro 15
"Verrà un giorno in cui il giardiniere non terrà fede al suo appuntamento consueto. Il giardino questo non lo sa." E Pia Pera ha aspettato a dirgli che il suo male avanzava e quel giorno sarebbe arrivato, anche prima della fine.

Era un male che non troncava la vita, il suo, ma che le avrebbe tolto poco alla volta la capacità di curare le sue piante, i suoi fiori.
Come il giardino era diventato metafora dell'esistenza, così il doverlo abbandonare anzitempo si fa possibilità di un "ribaltamento della prospettiva della morte": "anziché preoccuparsi della propria sorte, chiedersi come sarà, non per noi ma per gli altri". Per le creature vegetali del giardino, ma non solo: che ne sarà della cagna Macchia? "I cani si trovano talmente indifesi, quando muore chi se ne prende cura. Non possono decidere nulla della loro vita. Non dico che agli umani non importi nulla della mia scomparsa, solo che non dipendono da me".
Difficile non immaginare Macchia che cerca la sua padrona fra le aiole, come il "gatto in un appartamento vuoto" di Wisława Szymborska, disorientato – e indignato poi – dovendo constatare che "qui c'era qualcuno, c'era, / e poi d'un tratto è scomparso / e si ostina a non esserci."
Ma chissà se è andata così: anche Macchia si sarà resa conto che tutto, lentamente, stava cambiando? Le sarà accaduto come al giardino che, pur tenuto all'oscuro di quel che stava capitando, "si è già abituato a vedere altri che se ne prendono cura"?
È difficile parlare di questo libro senza metterne in fila i passi che alla lettura ci sono sembrati rivelazioni: "cos'è curare un giardino se non un corpo a corpo, non tanto con la terra, ma contro il tempo che lo vorrebbe inghiottire?", e la compassione che ci ispira non è dunque "compassione per la propria stessa fragilità"? È un libro da centellinare, a cui tornare, questo, che parlando dell'esperienza della malattia ci parla della vita. Della vita di tutti, e della sua finitudine. Con una forza che non nasconde la fragilità, la paura, il dolore di doversene andare e per dirlo, alla fine, prende a prestito – come per il titolo, che è un verso di Emily Dickinson – le parole di un altro poeta, Robert Louis Stevenson: "Ma non vi pare brutto / Col cielo così chiaro e azzurro, / Quando si vorrebbe tanto giocare, / Dovere andare a letto di giorno?"

160904.appuntamenti riquadro cane160904.appuntamenti riquadro copertina2

Brescia, 2 settembre 2016
Carlo Simoni
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.