Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

miraggio Kjell Westö, Miraggio 1938, Iperborea 2017 (pp. 448, euro 18,50)  

 "I protagonsti nascondono le cicatrici del passato come meglio possono, e hanno solo vaghi sospetti e premonizioni di quanto il futuro ha in serbo per loro".

È l'autore stesso a definire la condizione nella quale si muovono l'avvocato Claes Thune e la sua segretaria, Matilda Wiik, diversi per esperienze ed estrazione sociale, ma entrambi sospesi entro un orizzonte stretto fra la memoria - bruciante in lei - delle violenze della guerra civile che ha sconvolto la Finlandia appena dopo la prima guerra mondiale e la minaccia incombente della seconda, avvertita nel "tanfo" che il nazismo - siamo nel 1938 - diffonde: "il tanfo del sacrificio imminente". La speranza che aveva percorso l'Europa dopo la "grande mattanza umana", che "le persone fino allora rimaste meri sudditi stessero per diventare cittadini a pieno diritto",  che l'essere umano potesse cambiare, è ormai tramontata.  Lo stesso circolo che da anni raccoglieva con cadenza regolare l'avvocato e i suoi amici, professionisti della buona borghesia formatasi nel periodo fra le due guerre, si dissolve: l'aggressività politica e militare di Hitler, e l'antisemitismo montante, travolgono ideali e appartenenze. La giustizia, dopo una breve, illusoria parentesi, è tornata ad essere privilegio di pochi.
In questo quadro, si fanno via via più sensibili fra i due protagonisti assonanze che loro stessi avvertono con circospezione, come non potessero cedervi, educati dalla vita a una prudenza diffidente, e pure animati ancora da un desiderio sotterraneo ma inestinguibile di incontro con l'altro. La sommessa fedeltà di lui alle proprie idee antinazionaliste, a un senso della propria dignità non sbandierato ma intimamente irrinunciabile; la determinazione di lei nel perseguire la vendetta riparatrice che si è prefissa, e che pure non sembra guastare la sua umanità, la sua capacità di "accorgersi delle solitudini": una medesima condizione di infelicità nutre l'interesse reciproco, senza tuttavia poter contrastare un destino che intreccia saldamente le vicende individuali con quelle collettive, le vite con la storia. Ed è nella prosa distesa, nella narrazione  che sa governare l'andirivieni della memoria e i diversi piani sui quali dispone avvenimenti e sensazioni, che questo intreccio, ancor più dei fatti che alimentano la trama, dà sostanza al romanzo e ne rende avvincente la lettura.

Kjell WestoWesto copertina

Brescia, 7 maggio 2017
Carlo Simoni
www.secondorizzonte.it