Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

160407.appuntamenti riquadro copertinaTalmente assidua nella vita di noi tutti, ma soprattutto dei giovani e giovanissimi, la frequentazione di Internet e dei social network, rischia di assumere i tratti di una vera e propria dipendenza. In due agili saggi, Legami virtuali e Giovani in rete, Mario Giorgetti Fumel – psicoterapeuta e sociologo – fornisce gli strumenti essenziali per riconoscere i segni dell’assuefazione e dell’inaridimento della vita di relazione, inoltrandosi nel rapporto degli adolescenti con i nuovi media. In collaborazione con Jonas Brescia, la nuova libreria Rinascita ospita l’autore che ne parla in libreria giovedì 7 aprile alle 17.30, dialogando con Alessandro Marini di Jonas Brescia.

Scarica il programma

Ogni giorno, più o meno consapevolmente, milioni di utenti nel mondo, attraverso la propria presenza in rete, celebrano Internet come una soluzione, ideale e necessaria, al proprio modo di stare al mondo. Non si affidano semplicemente all'evoluzione tecnologica che accompagna oggi l'esistenza umana, ma scelgono letteralmente nuove forme di legame con i propri simili: i legami virtuali. Soprattutto per gli adolescenti, le forme di relazione intermediate da Internet sono diventate il modo quasi esclusivo di intrattenere rapporti con gli altri e la realtà circostante: vivono Internet e i nuovi media come un ambiente irrinunciabile, nel quale esprimono le gioie e i dolori, le difficoltà e le conquiste, e anche le domande legate al loro vivere.
Con le sue analisi, Mario Giorgetti Fumel intende proporre una riflessione attorno alla condizione contemporanea del legame sociale in quella che viene comunemente definita come una società globale e altamente mediatizzata.
In Legami virtuali, il ricorso semplice e chiaro agli strumenti della psicoanalisi porta a comprendere quanto sia davvero possibile scambiare in rete parole, informazioni e affetti, senza implicarsi con la propria vita reale.
Con Giovani in rete l’autore intende invece offrire una guida per riconoscere le utilità e i rischi del rapporto fra i giovani e la rete, dando indicazioni precise per riconoscere le forme anche più subdole di dipendenza. Rivolto a genitori, insegnanti, educatori e psicologi, ma anche ai ragazzi stessi, è un manuale indispensabile per avvicinare l'universo dei giovani e la contemporaneità nella quale sono (e siamo) immersi.

160407.appuntamenti copertina
Mario Giorgetti Fumel
Legami virtuali Internet: dipendenza o soluzione?
Di Girolamo 2010, € 4,25

Mario Giorgetti Fumel
Giovani in Rete Comprendere gli adolescenti nell'epoca di internet e dei nuovi media
Red Edizioni 2013, 110 p., € 12,50

«Internet viene oggi innalzata come il mezzo preferenziale per ritrovare una qualche forma di legame, sfuggendo alla solitudine e alla sofferenza che può scaturirne» dall'intervista a Mario Giorgetti Fumel di Flashgiovani.it

Mario Giorgetti Fumel è psicoterapeuta, psicanalista e sociologo, specializzato nel trattamento dei comportamenti compulsivi e delle dipendenze, lavora tra Genova, Milano e Bologna. È membro dell'Associazione Lacaniana Italiana di Psicoanalisi, dell'Associazione Pollicino e Centro Crisi Genitori Onlus e del Centro di Clinica Psicoanalitica per i nuovi sintomi Jonas Onlus.
È autore anche di Prigioniero volontario (Armando Editore, 2002); assieme a Federico Chicchi ha curato II tempo della precarietà (Mimesis, 2012).

160407.appuntamenti logo.jonas