Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

160413.appuntamenti riquadro copertinaPittore e scrittore, Ettore Goffi in La bellezza dischiusa si interroga su questo valore universale che – osserva – “è come l'aria che respiriamo: invisibile ma vitale. Guai se non ci fosse, moriremmo d'asfissia". Mercoledì 13 aprile, alle 17.30, in libreria con l'autore dialoga Andrea Barretta (scrittore, giornalista).

Scarica il programma

“Fatto anomalo dell’arte contemporanea è quello di un artista che s’interroga sulla bellezza e, badate bene, non in riferimento a un’estetica banalizzata da motivazioni di gusto o di moda, ma a quell’essenziale obiettivo di guardare un’opera d’arte senza l’ausilio della parola. È il paradosso – attuale in un dibattito culturale – che mette in campo Ettore Goffi nella dicotomia dell’artista che diventa scrittore o, se vogliamo, il contrario, non in una divisione contrapposta ma nel valicare pagine di un libro per andare oltre e approdare nello spazio che rende visibile l’immagine a dilatare il pensiero, dove appare evidente anche la dualità tra definizione di arte e l’esercizio della bellezza che possa competere con il configurarsi di una necessaria presenza dell’estetica. (…) Pur sapendo che ogni sistema contiene delle contraddizioni è indubbio, seguendo questo percorso, che possiamo desiderare il bene e il bello in una convergenza al di sopra di tutto, sempre più intermedia nella nostra esistenza a comporre la speranza cui si appella Goffi, senza illusioni estetiche né elogi soggettivi che andrebbero a significare che non è arte e non c’è l’artista”.(Dall’introduzione di Andrea Barretta)

160413.appuntamenti copertina

Ettore Goffi
La bellezza dischiusa
Prinp 2015, 80 p., € 10.00

Ettore Goffi è nato a Montichiari nel 1963 e vive a Carpenedolo. È sposato e ha due figli. Laureato in lingue e letterature straniere moderne, è professore liceale. Dopo aver vissuto in vari Paesi europei, dal 1993 al 1995 frequenta la scuola del nudo presso Les ateliers des beaux-arts di Parigi. Nel 2011 pubblica Ettore Goffi... infinito tu, infiniti noi..., una selezione ragionata della sua pittura. Autore di vari saggi, è intervenuto nel congresso internazionale “Revisión de la Guerra Civil española” tenuto a Madrid nel 1999, con il titolo: El orteguismo durante la guerra civil: Manuel García Morente. Ha pubblicato, inoltre, Matrimonio sull’Osservatore Romano nel 2011 e Comunicare bellezza: la responsabilità dell’artista “Sulromanzo” 2013.