Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

Venerdì 30 ottobre alle ore 17.30 in libreria si presenta il libro Il nodo della contenzione a cura di Stefano Rossi. Il volume raccoglie gli interventi di giuristi, psichiatri, psicologi, filosofi e sociologi che si confrontano sulla questione aperta dell’uso della contenzione, in psichiatria ma non solo, affrontata in un convegno organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Bergamo nel febbraio 2014.

Leggi e scarica la locandina

Il ricorso alla pratica della contenzione rappresenta uno dei casi in cui l'incontro fra chi cura e chi è curato patisce uno squilibrio dagli esiti talvolta tragici. Il libro riesce ad affrontare da diversi punti di vista gli aspetti di una questione che tocca il diritto e la pratica clinica e risulta pieno di stimoli sia per gli esperti della materia che per i lettori attenti al rapporto fra diritti e salute, come tema che tocca da vicino le persone, i loro bisogni, le loro aspirazioni.

Ne parleranno il curatore, Stefano Rossi, e due degli autori: Giovanni Rossi, psichiatra, promotore dell'esperienza SPDC no restraint, e il giurista Giandomenico Dodaro, con Valeria Negrini, presidente della Cooperativa Sociale La Rete, una delle cooperative sociali impegnate nei servizi per la salute mentale in provincia di Brescia.

Il libro
Il nodo della contenzione Diritto, psichiatria e dignità della persona
(ab Edizioni Alphabeta verlag, pp 360, 16 euro)
A cura di Stefano Rossi Interventi di Antonio Amatulli, Stefania Borghetti, Giuseppe Arconzo, Marco Azzalini, Pietro Barbetta, Beatrice Catini, Peppe Dell’Acqua, Giandomenico Dodaro, Anna Lorenzetti, Michele Massa, Luca Negrogno, Barbara Pezzini, Giovanni Rossi, Stefano Rossi, Nadine Tabacchi, Lorenzo Toresini
La presentazione del libro, nel sito dell'editore, è arricchita da un booktrailer che contiene la documentazione sul tragico caso di Franco Mastrogiovanni, morto nell'UO di Vallo della Lucania nel 2009.
Edizioni alphabeta Verlag che fa parte di Alpha & Beta Società cooperativa è un “editore di confine” che opera da più di 20 anni in Alto Adige, dove sono presenti lingue e culture diverse. L’attività editoriale, iniziata con la pubblicazione di materiali didattici per l’apprendimento delle lingue e saggi e ricerche scientifiche su educazione linguistica, sociolinguistica e comunicazione interculturale, si è estesa con una collana di testimonianza e discussione sulla salute mentale: 180. Archivio critico della salute mentale.