Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

Massimo Recalcati sarà in libreria sabato 14 novembre alle 17, per un incontro informale prima della conferenza organizzata da Aied-Brescia in collaborazione con nuova libraria Rinascita e con l'adesione di Associazione Ariele Psicoterapia, alle 18 nel Ridotto della Camera di Commercio a Brescia, per la presentazione di Le mani della madre. Desiderio, fantasmi ed eredità del materno.

Scarica la locandina dell'incontro

Con il suo ultimo saggio, lo psicanalista Massimo Recalcati ci guida in un viaggio nella maternità. Dopo aver indagato la paternità e aver ottenuto l'attenzione del pubblico dei lettori trattandola in Il complesso di Telemaco, con Le mani della madre prosegue in uno stile accessibile e coinvolgente affrontando la figura del materno, attraverso esempi letterari, cinematografici, biblici e clinici, mettendo l'accento sulle sue luci e le sue ombre.
Le analisi e le riflessioni di Massimo Recalcati, muovendo dall'ambito psicoanalitico che gli è proprio, riescono sempre più spesso a fornire al pubblico chiavi interpretative sulla contemporaneità e sui fenomeni del disagio che la percorre. Perciò l'iniziativa organizzata a Brescia propone l'incontro con un autore che supera gli specialismi della sua formazione e offre un momento di dibattito e riflessione aperto alla città.

Massimo Recalcati vive e lavora come psicoanalista a Milano. Ha svolto la sua formazione analitica a Milano con Carlo Viganò e a Parigi con Jacques Alain Miller. Ha fatto parte del Campo freudiano per anni occupando incarichi istituzionali nazionali e internazionali. Attualmente è membro analista dell’Associazione lacaniana italiana. Ha insegnato nelle Università di Padova, Urbino e di Bergamo. È direttore scientifico dell’IRPA (Istituto di ricerca di psicoanalisi applicata) e insegna Psicopatologia del comportamento alimentare presso l’Università degli Studi di Pavia.
Il suo lavoro teorico sull’insegnamento di Jacques Lacan e le sue ricerche cliniche sulla Psicopatologia contemporanea, in particolare sull’anoressia, la bulimia e i disturbi alimentari, sono diventati punti di riferimento e di formazione stabili e riconosciuti. Nel gennaio del 2003, insieme ad alcuni amici e colleghi, ha fondato Jonas Onlus (centro di clinica psicoanalitica per i nuovi sintomi).  Ha collaborato e collabora con diverse riviste specializzate nazionali (aut-aut, La psicoanalisi, Lettera) e internazionali (Revue de la Cause freudienne, Psychanalyse, Clinique lacanienne), interviene con riflessioni ed articoli rivolti al pubblico dei quotidiani e delle trasmissioni radiotelevisive, ottenendo attenzione e interesse nel ruolo di analista e commentatore delle tematiche più attuali.
Nel 2014 ha pubblicato Non è più come prima. Elogio del perdono nella vita amorosa (Raffaello Cortina); L'ora di lezione. Per un'erotica dell'insegnamento (Einaudi)

il suo sito: www.massimorecalcati.it

la recensione di Ferdinando Camon (La Stampa)

il sito AIED www.aiedbrescia.org
il sito  ARIELE www.ariele.info