Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

tondi.incontriAnna Oliverio Ferraris sarà in libreria il prossimo giovedì 3 dicembre per incontrare i lettori prima della presentazione del suo saggio Tuo figlio e il sesso. Crescere figli equilibrati in un mondo con troppi stimoli organizzata da  AIED-Brescia in collaborazione con nuova libreria Rinascita e con l'adesione di Associazione Ariele Psicoterapia, alle 18 al Teatro San Carlino, in corso Matteotti 6/a a Brescia

Scarica la locandina dell'incontro

Nel suo ultimo saggio, Tuo figlio e il sesso (Bur 2015, pp 190, euro 12), la psicologa e psicoterapeuta Anna Oliverio Ferraris, insegnante di Psicologia dello sviluppo all'Università la Sapienza di Roma e autrice di numerosi libri di successo sulle problematiche degli adolescenti, affronta l'argomento con un'analisi ampia e precisa ma, soprattutto, fornisce una serie di indicazioni e consigli pratici affinché genitori ed educatori possano guidare i giovanissimi a scoprire il sesso nel modo più giusto, per aiutare bambini e adolescenti a entrare in confidenza con la loro sessualità e a compierne il percorso "con tranquillità e naturalezza"

151120.oliveiroAnna Oliverio Ferraris, psicologa e psicoterapeuta, dirige la rivista degli psicologi italiani “Psicologia Contemporanea”. È autrice di saggi, numerosi articoli scientifici e testi scolastici in cui affronta i temi dello sviluppo normale e patologico, dell’educazione, della famiglia, della scuola, della formazione, della comunicazione in contesti diversi, del rapporto con tv e nuovi media, delle dinamiche identitarie nella società contemporanea. Dal 1980 è professore ordinario di Psicologia dello sviluppo alla Sapienza.

Il sito di Anna Oliveiro Ferraris

151120.oliveiro.coverTuo figlio e il sesso. Crescere figli equilibrati in un mondo con troppi stimoli
dall'Introduzione:

A chi spetta il compito di fornire una corretta educazione sessuale ai bambini e ai ragazzi? Ai genitori, è una delle risposte più frequenti e, in teoria, più scontate. Ma nella realtà dei fatti sono molti i papà e le mamme che sorvolano su temi che li mettono in imbarazzo e per i quali credono di non riuscire a trovare le parole giuste al momento giusto. ... .Come si può far finta di niente davanti alle immagini erotiche che irrompono da ogni parte: nei film come nei trailer, nelle pubblicità come negli show televisivi, in metropolitana come sui cartelloni stradali? È bene che siano quelle immagini a “educare” i nostri bimbi o è responsabilità degli adulti fornire spiegazioni e valutazioni
che li aiutino a orientarsi in un campo che sicuramente li intriga? ...
Questo libro vuole essere un viaggio nei territori della sessualità infantile e adolescenziale, visibile e nascosta. ...
È bene non dimenticare che la sessualità dei bambini e dei ragazzi di oggi è uguale per molti aspetti a quella che è stata la nostra alla loro età, anche se le diverse circostanze sociali in cui siamo cresciuti ci rendevano meno precoci, più riservati e propensi a nascondere il nostro interesse sulla materia di quanto non siano loro oggi. …  Sono tutti temi a proposito dei quali è giusto nutrire qualche dubbio e porsi delle domande, l’importante però è trovare un proprio modo per parlare
e interagire riguardo alla sessualità e ai sentimenti con i bambini e gli adolescenti. Procedendo nella lettura ognuno troverà il linguaggio che ritiene più opportuno usare, saprà capire se sia giusto vietare, e nel caso come e a quale titolo, e infine stabilire quali aspetti affrontare come geni-
tore e quali delegare ad altri.
Potrebbe sembrare che affrontare questo discorso generi più insicurezze che certezze. Educare alla sessualità non significa dare ai bambini e agli adolescenti indicazioni precise, regole e costrizioni, ma vuol dire aiutarli a compiere il loro percorso con positività e naturalezza. La materia è multiforme, c’è infatti una dimensione biologica della sessualità e dei sentimenti che ben presto si intreccia con quella socioculturale e morale.

Intervista a A. Oliverio Ferraris