Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

160118.appuntamenti riquadro copertinaDa oltre due secoli l'alpinismo è una passione, uno svago, uno sport che conquista sempre più adepti. Cosa spinge tanti di noi ad affrontare rischi disagi e fatiche per salire le montagne? In Alfabeto verticale (il Mulino) Franco Brevini ha voluto rispondere raccontando e condividendo l'esperienza dell'alpinismo attraverso le dieci voci che a suo giudizio ne costituiscono l'essenza: un racconto coinvolgente fatto ad un tempo di ricordi personali, di riflessione, di storia, che l'autore presenterà in libreria giovedì 28 gennaio, alle 17.30, dialogando con Massimo Tedeschi (Corriere della Sera) e Eros Pedrini (CAI - Sezione di Brescia).

Scarica il programma

L’alpinismo per Brevini è presenza totale a un mondo spietato e avvincente, partecipazione che mobilita mente e corpo, scrollandosi di dosso l’artificio in cui siamo in ogni istante immersi. Un’esperienza estrema, ma prima di tutto una pratica – e un luogo – di verità, che nel libro si declinano in dieci parole chiave: Altezza, Bufera, Immensità, Rischio sono le esperienze della dimensione verticale; Arrampicata, Ghiaccio, Scialpinismo le principali attività che si praticano in montagna; infine Dolomiti, Gran Paradiso e Tunu (Groenlandia) sono tre luoghi simbolo che hanno particolarmente segnato l'esperienza alpinistica, non solo dell'autore.

160115.franco breviniFranco Brevini è docente di Letteratura italiana all'Università di Bergamo e all’Università Iulm di Milano, firma del Corriere della sera, alpinista e scrittore di letteratura di montagna.

 

 

 

160115.copertina
Alfabeto verticale (il Mulino, 2015, pp. 296, euro 16)
La recensione di Massimo Tedeschi su Brescia Corriere della sera