Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

La nuova libreria Rinascita propone una serie di incontri che continuano ad animare la libreria durante il mese di giugno.
Giovedì 11, alle ore 17.30 è la volta della presentazione di Quando Chiara ha perduto la luce. Pubblicato da Tabula Fati nel 2015, è il romanzo con cui Francesco Bova conclude la trilogia iniziata con La leggenda dei pesci bambini (2005) e proseguita con Nata con il cuore in una mano (2008). L'autore racconta la storia di un pellegrinaggio interiore al quale il protagonista, professore universitario, ex parlamentare, è chiamato dalla malattia che ha improvvisamente colpito la moglie Chiara, divenuta “una cieca capace di cucire l’orlo a una sottana ma incapace di riconoscere il mio volto”.

Giovedì 11, alle ore 17.30
sala incontri della libreria
presentazione del libro

Quando Chiara ha perduto la luce
di Francesco Bova

dialogano con l'autore
Nicola Fiorin (scrittore) e Pietro Bisinella  (Scuola Regionale per Operatori Sociali I.a.l. - C.I.S.L.)

Francesco Bova è nato a Pietra Ligure. Insegnante e giornalista, vive e lavora a Milano. Esperto di politiche sociali, per oltre vent’anni ha collaborato con la rivista di letteratura, filosofia e politica Malvagia. Con la piccola editoria indipendente ha pubblicato i libri di poesia Amore di nano (1973), Il suicidio di Stato (1977), Il leone Giustino e l’indiana Manù (1979), Narciso e Autòs (1989) e i romanzi La leggenda dei pesci bambini (2005), Nata con il cuore in una mano (2008) e Quando Chiara ha perduto la luce (2015). Fra le sue opere di saggista,  Handicap e Società (Orientamenti Amministrativi, 1998), Il dizionario del nuovo welfare (Maggioli, 2006) e La disobbedienza come pratica della libertà (Lulu, 2008).
La locandina