Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

160220.appuntamenti riquadro copertinaL’incontro diretto con la medicina tradizionale cinese è la materia di Un agopuntore italiano in Cina, diario di viaggio di Sergio Perini, agopuntore e psicoterapeuta bresciano attento tanto alle antiche conoscenze e pratiche mediche quanto alla cultura, alla storia e alla vita cinese, su quel percorso di avvicinamento tra Occidente e Oriente tracciato da uomini curiosi come furono Marco Polo, Matteo Ricci e il bresciano Giulio Aleni. Il libro sarà presentato dall’autore in libreria venerdì 26 febbraio alle 17.30, in dialogo con Claudio Bragaglio e Mauro Baioni.

Scarica il programma

Il filo conduttore del libro (rivisitazione critica del precedente Un Medico in Cina del 2011, al quale sono stati aggiunti due nuovi capitoli e un nuovo corredo fotografico) è il viaggiare dell’autore, in Cina dal 1991 per approfondire gli aspetti della medicina tradizionale presso gli ospedali di varie università: Guanzhou, Beijing, Nanjing, Shanghai, Tianjin. Un impegno professionale culminato nell’ottobre 2014 con il riconoscimento a Perini di Professore associato in Medicina Tradizionale Cinese da parte dell’Università di Shanghai.

160220.appuntamenti copertina agopuntore

Sergio Perini
Un agopuntore italiano in Cina
Roma, Armando, 2015, 192 pp., € 18,00.

«Questo libro di sapore antico ci riporta ai tempi in cui viaggiare non era solo un portare qua e là il proprio bagaglio di commerciante, missionario, medico, antropologo, botanico, ma era invece tutta un’arte magica e sapiente di comunicare, conoscere e man mano scrivere appunti con cui si trascinavano da un lato all’altro dell’emisfero esperienze, parole e vita.
È così che Sergio Perini, nei suoi viaggi di lavoro, come ogni dove, conduce il suo corpo-ti, la sua mente-shen, il suo appassionato cuore-xin.» Alessandra Gulì

«La laboriosità cinese, espressa ad ogni angolo e in ogni forma, viene immortalata nel libro come nei suoi quadri con tinte cariche di vivacità ed emozione. La metropoli sembra talvolta soffocare la spiritualità locale, ma essa sfugge alla gabbia di cemento per esprimersi nei parchi e nei giardini con l’antica arte dei massaggi, del qi gong, del taijiquan, o semplicemente con le gare di canto tra i volatili amorevolmente accuditi all’interno delle loro gabbiette.» Flavio Alagia

«Sergio ha la grande capacità di fissare con forza le sue sensazioni nelle parole e nei suoi splendidi acquarelli e con altrettanta facilità trasmetterle agli altri.» Carlo Maria Giovanardi

Il sito di Sergio Perini