Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

160311.appuntamenti riquadro copertinaDa Mariapia Veladiano, attenta osservatrice del mondo dei giovani e della scuola, il romanzo Una storia quasi perfetta (Guanda), racconto di un amore e di un gioco di seduzione che si complica nel confronto con una purezza appassionata. Su invito del C.I.D.I. (Centro di Iniziativa Democratica degli Insegnanti) di Brescia, l’autrice sarà in libreria venerdì 11 marzo per un doppio appuntamento: alle 17.00 incontrerà gli insegnanti bresciani, mentre alle 18.00 presenterà il libro in dialogo con Alberto Albertini (organizzatore culturale, curatore del Festival Rinascimento culturale).

Scarica il programma

Un amore così perfetto. O è solo la storia eterna della vittima e del seduttore? Lui è il proprietario e l’anima di un’azienda di design per collezioni di moda, carte e oggetti. Lei, Bianca, insegnante di discipline pittoriche in un liceo delle arti, gli propone una serie di disegni ispirati ai fiori. Disegni bellissimi, luminosi, unici. Lui se ne innamora e, come fa sempre, decide di prendere non soltanto l’opera ma anche l’artista, singolare e incantevole come quei disegni. Comincia il corteggiamento, ma presto si accorge di essere lui ad avere bisogno di lei, conquistato e allo stesso tempo sconcertato dalla sua purezza quasi spirituale, dalla sua natura appassionata ed esigente, dalla gratuità dei suoi gesti, dalla sua vita con il figlio Gabriele in una casa piena di piante e di acqua che fa pensare a un piccolo paradiso. Bianca vuole credere a quell’amore, si abbandona. Ma lui ha già ottenuto ciò che voleva e, a poco a poco, come fa sempre, inizia ad allontanarsi. Il mondo intorno osserva immobile. È la provincia elegante e crudele della chiacchiera, che spiuma la verità e la sparge dalle finestre dei palazzi. Tutti a vedere. Tutti pronti a dire come va a finire quando si entra nel gioco di un seduttore. Ma non sempre le storie sono già scritte dall’inizio.

L’autrice rivelazione di La vita accanto approda a Guanda con il suo romanzo più intenso e maturo. Una storia d’amore e seduzione, la fragilità dei nostri rapporti quotidiani ma anche la capacità di riappropriarci della nostra vita, la forza intensa e catartica di un riscatto.

  • «Un romanzo che è una vera terapia. Da leggere. E da mettere in libreria nello scaffale "da rileggere"». Sette
  • «Mariapia Veladiano narra l'eterna ma pur sempre nuova favola dell'infelice seduttore con mano leggerissima per cui le pagine scorrono davvero senza peso.» Corriere della Sera
  • «La bellezza del narrare dell'autrice rende questa storia di seduzione una sorta di duetto amoroso. Con finale a sorpresa.» Il Venerdì di Repubblica
  • «Mariapia Veladiano si conferma una delle scrittrici più importanti di questi anni, per la capacità di sviluppare in profondità temi assai complessi. Lo fa raccontando le relazioni tra individui, mai lineari ma che affondano la loro verità nel dolore e nella capacità di trovare forza e speranza per tornare a guardare in faccia la vita.» Avvenire

160311.appuntamenti copertina

Mariapia Veladiano
Una storia quasi perfetta
Guanda 2016, 240 pp., € 17,50

Mariapia Veladiano è nata a Vicenza. Laureata in Filosofia e Teologia, ha insegnato lettere e ora è preside. Collabora con Repubblica e con la rivista Il Regno. Il suo primo romanzo, La vita accanto (Einaudi Stile Libero, 2011) ha vinto il Premio Calvino 2010 e si è qualificato secondo al Premio Strega 2011. Sono seguiti il romanzo Il tempo è un dio breve (Einaudi Stile Libero, 2012), il giallo per ragazzi Messaggi da lontano (Rizzoli, 2013), Ma come tu resisti, vita (Einaudi Stile Libero, 2013) e Parole di scuola (Erickson, 2014), liberissimi pensieri sulla scuola.