Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

160309.appuntamenti riquadro copertinaPer la seconda edizione di Metamorfosi Festival, la nuova libreria Rinascita apre la porta a due appuntamenti del programma: mercoledì 9 marzo alle 18, Brain Shake. Parole, visioni, tracce Happening di pensieri sul tema: Come l’arte ascolta e risponde alla città? Come può trasformarla? e sabato 12 marzo alle 11 Zeus!, presentazione di una “rivista mutante”.

Scarica il programma del 9

Scarica il programma del 12

 

Dal 7 al 12 marzo in città si apre la Scena mentale in trasformazione del Metamorfosi Festival, un programma in cui l'arte del teatro crea spettacoli e incontri, invita alla trasformazione. Il festival - ideato da Teatro19 in collaborazione con U.O.P. 23 degli Spedali Civili di Brescia - è alla seconda edizione e quest'anno arriva nelle strade del centro. La libreria ospita due degli appuntamenti previsti dal cartellone, nato dalla collaborazione fra un'attrice – Francesca Mainetti – e uno psichiatra – Fabio Lucchi – convinti che il teatro sia un'esperienza da condividere.
Mercoledì 9, è in libreria il Brain Shake, un modo per far incontrare e mescolare pensieri sul tema “Come l’arte ascolta e risponde alla città? Come può trasformarla?”. Il pubblico potrà assistere alla successione degli interventi, rigorosamente di 7 minuti ciascuno, durante i quali i partecipanti cercheranno di esporre la propria idea nella forma più libera, mentre l'artista Mitsuyasu Hatakeda eseguirà un live painting. Un esperimento, una sorpresa, un modo per mettere in movimento il pensiero e la cultura.
La rivista Zeus! - dopo il reading di venerdì sera, Spazio Teatro Idra, che ne farà conoscere dalla voce dei neo-attori Michela Ivanov e Giovanni Gari le pagine migliori – sarà presentata sabato mattina alle 11 in libreria dal suo direttore Marco Milzani e dalla redattrice Sara Rendina. Da dieci anni, la rivista nata come esperimento redazionale all'interno della cooperativa sociale Il Cardo di Edolo, scritta ed illustrata interamente dalle persone disabili che frequentano i servizi della cooperativa, è una pirotecnica collezione di scritti e disegni sui temi che occupano l'attualità (l'ultimo numero, ad esempio, è dedicato alle religioni). Un sorprendente effetto di ironia e divertimento che ha affascinato lettori ed artisti in tutta Europa, al punto che uno di loro – Alessandro Busci - ha voluto portarla con sé alla Biennale di Venezia nel 2011.

A partire dal mese di marzo, la nuova libreria Rinascita diventa un punto di distribuzione del periodico, a disposizione dei lettori che potranno prelevarne le copie dietro una sottoscrizione di 2 euro, destinata a coprire le spese vive di realizzazione sostenute da Il Cardo.

160309.appuntamenti copertine