Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

160319.appuntamenti riquadro copertinaAIED Brescia con Ariele psicoterapia e nuova libreria Rinascita propongono un incontro con Michela Marzano, filosofa e deputata al parlamento, che nel suo Papà, mamma e gender, offre dell'idea del gender – oggi al centro di polemiche spesso roventi - una nitida analisi, affrontandone genesi e implicazioni, con gli strumenti laici della filosofia, senza rinnegare le sue radici cattoliche. In dialogo con Gianfranco Porta, storico e presidente di AIED Brescia, Michela Marzano incontra il pubblico bresciano sabato 19 marzo, alle 18.00, al Teatro San Carlino, in corso Matteotti 6.

Scarica il programma

Michela Marzano – filosofa, scrittrice, docente alla Sorbona di Parigi, editorialista di la Repubblica e parlamentare, in Papà, mamma e gender affronta la questione tanto direttamente da essere diventata il bersaglio di polemiche che hanno fatto cronaca anche in provincia di Brescia.
«La teoria gender non esiste» replica però l'autrice, che cita Albert Camus: “Nominare in maniera corretta le cose è un modo per tentare di far diminuire la sofferenza e il disordine che ci sono nel mondo”. La disinformazione è uno degli elementi che Michela Marzano intende denunciare e neutralizzare con il suo lavoro: «Si è generata una teoria ad hoc – banalizzando le posizioni in campo – volta a creare un nemico immaginario, a cui contrapporsi, che minerebbe i valori della nostra società». Anzitutto bisogna ricordare che i gender studies, avviati fin dagli anni Sessanta, sono tutte le posizioni e le ricerche – molteplici ed eterogenee – presentati allo scopo di combattere le discriminazioni e le violenze subite da chi viene considerato inferiore solo in ragione del proprio sesso, orientamento sessuale ed identità.
Perché oggi il tema del gender accende tante polemiche?

160319.appuntamenti libreria

In libreria, fra i libri che affrontano il tema, sono esposti anche i “libri all'indice”: quei 49 titoli che una circolare del sindaco di Venezia pretendeva di bandire dalle scuole.

Lo psicologo bresciano Nicola Negretti ci offre una riflessione che si inserisce nell'ampio dibattito sollevato in questi mesi sul tema del gender

Una posizione sull'argomento
L’Associazione Italiana di Psicologia (AIPI) ritiene opportuno intervenire per rasserenare il dibattito nazionale sui temi della diffusione degli studi di genere e orientamento sessuale nelle scuole italiane e per chiarire l’inconsistenza scientifica del concetto di “ideologia del gender”. Esistono, al contrario, studi scientifici di genere, meglio noti come Gender Studies che, insieme ai Gay and Lesbian Studies, hanno contribuito in modo significativo alla conoscenza di tematiche di grande rilievo per molti campi disciplinari (dalla medicina alla psicologia, all’economia, alla giurisprudenza, alle scienze sociali) e alla riduzione, a livello individuale e sociale, dei pregiudizi e delle discriminazioni basati sul genere e l’orientamento sessuale.

160319.appuntamenti cover

Michela Marzano Papà, mamma e gender Utet 2015, 151 pp., € 12,00

160319.appuntamenti marzano
Michela Marzano (Roma, 1970) è autrice di numerosi saggi e articoli di filosofia morale e politica. In Italia ha pubblicato, tra gli altri, Estensione del dominio della manipolazione (2009), Sii bella e stai zitta (2010), Volevo essere una farfalla (2011), Avere fiducia (2012), Il diritto di essere io (2014). Professore di filosofia morale all'Universitè Paris Descartes, e direttrice del Dipartimento di Scienze sociali (SHS, Paris Cité Sorbonne, Université Paris Descartes), dirige una collana di saggi filosofici per le Edizioni PUF. Attualmente è deputato del Parlamento italiano. La sua pagina Facebook.