Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

fugacervelli 0123 maggio ore 17.30

L’Europa e i giovani tra formazione e lavoro: fuga dei cervelli o allargamento degli orizzonti culturali?

Intervengono Sergio Albertini (Università degli Studi di Brescia, Economia e management), Alberto Borboni (Università degli Studi di Brescia, Ingegneria industriale e dell'informazione), Elisabetta Donati (sociologa della famiglia), Paride Saleri (imprenditore), Eleonora Voltolina (presidente di ITalents). 

I giornali riportano sempre più spesso notizie sulla presenza di giovani italiani che proseguono gli studi o cercano lavoro all’estero. Il fenomeno trova evidente riscontro nella realtà locale, dove un laureato su due, secondo fonti autorevoli, è intenzionato a lasciare il paese. Il giudizio su quanto accade, e appare ormai una tendenza destinata a confermarsi in futuro, appare contraddittorio: da un lato si evocano le conseguenze di una crescente “fuga dei cervelli”, dall’altro si accoglie con favore l’allargamento di orizzonti culturali e di esperienze umane e professionali di cui i giovani possono oggi godere. 
La domanda da porsi, in ogni caso, è se la scelta dei giovani expat si giochi secondo una logica di opportunità o invece sia dettata dalla necessità, se pesi di più l’aspirazione a sperimentare nuove realtà in cui mettersi alla prova o la constatazione  della mancanza di un futuro concreto e gratificante nel paese in cui si è nati. 
Certa appare comunque la progressiva formazione, al di là delle difficoltà e delle polemiche che accompagnano il percorso della UE, di una nuova cittadinanza europea e più in generale di una cultura transnazionale.
Sul tema si confronteranno voci e punti di vista diversi (dal docente universitario all’imprenditore, dal sociologo della famiglia a chi si occupa con continuità degli italiani expat e dei giovani che decidono di rientrare in Italia), ma il dibattito sarà arricchito anche dalle testimonianze di genitori e di giovani in diverso modo coinvolti.